Passa ai contenuti principali

Azione Cattolica Italiana/ Parrocchia Cattedrale

ACI Consiglio Parrocchiale
2014/2017

Presidente: Vito Antonio Galasso

Segretaria: ......


Amministratrice: Cinzia Valente

Responsabile Adulti: Gina Longobardi 

Responsabili Giovani: Massimiliano Fanelli

Responsabile ACR: Mariangela Di Vagno

Consiglieri: Enza Valente, Giuseppe Lippolis



Chi Siamo

Laici impegnati… Siamo un’associazione di laici impegnati a vivere, ciascuno “a propria misura” ed in forma comunitaria, l’esperienza di fede, l’annuncio del Vangelo e la chiamata alla santità. Crediamo che sia doveroso e possibile educarci reciprocamente alla responsabilità, in un cammino personale e comunitario di formazione umana e cristiana. Vogliamo essere attenti, come singoli e come comunità, alla crescita delle persone che incontriamo e che ci sono state affidate.

…con in Pastori… Ci impegniamo a vivere la nostra vocazione laicale lavorando e collaborando con i Pastori.

…al servizio del territorio in cui vivono… L’Azione Cattolica fin da principio ha scelto di rispondere alla vocazione missionaria, mettendosi a servizio della vigna del Signore nelle singole Chiese locali. Il nostro servizio alla Chiesa si esprime nella scelta di stare in maniera corresponsabile nelle diocesi e nelle parrocchie. Vogliamo costruire percorsi di comunione con le altre aggregazioni laicali, in fedeltà a quanto il Concilio ha chiesto a tutti i laici.

…eredi di una lunga storia… Quella dell’Azione Cattolica è una storia che inizia da lontano. Raccontarla significa raccontare anche la storia della Chiesa e dell’Italia degli ultimi centotrenta anni. È una storia, infatti, che si intreccia con la vita di migliaia di uomini e donne, che in questo lungo periodo hanno lavorato con passione e fedeltà, servendo la Chiesa e contribuendo a costruire il Paese in cui viviamo.

…testimoni del Risorto! Oggi, dunque,noi raccogliamo un’eredità, un tesoro prezioso consegnatoci da uomini e donne, testimoni del Vangelo, che hanno saputo fino in fondo essere interpreti dei segni dei tempi.


I tesserati:
GALASSO VITO ANTONIO
GIUSY CAPRIO
LAVIOLA ANGELICA 
CANDELA MICHELE                          
ANTONACCI MARIA GRAZIA
CHIARAPPA DOMINGA
FANELLI ANTONIO            
FANELLI MASSIMILIANO
CURCI RITANNA
DE VIVO ALESSIO
CAPRIO CATERINA
COLAGRANDE ROSA
COLETTA MARGHERITA
DELFINO GIOVANNA
LONGOBARDI GINA
LORUSSO RITA
GRATTAGLIANO GIUSEPPINA
MALENA ANGELA
PETRUZZI MARIA
SPORTELLI CHIARA
TEOFILO  PINA
VALENTE ENZA
BRESCIA FLORINDA
VALENTE CINZIA (MARIA VINCENZA)
VALENTE ISANNA
CARONE GIANNI
CARONE DAVIDE
FANTASIA GIUSI
FANTASIA DOMENICO
LOMBARDI STEFANIA
DI VAGNO MARIANGELA
LIPPOLIS GIUSEPPE
RAMUNNI ROSA
PACE CATERINA
ABBRUZZI MARGHERITA MARIA
ABBRUZZI FABIANA DI LEO ANDREA 
LARUCCIA VALERIA
LARUCCIA MICAELA
LOSURDO MONICA
ROBERTO GALIZIA
FRANCESCA GALIZIA
ANGELA GALIZIA
CHIARA GALIZIA
MICHELE CAVALLO
FRANCESCO CAVALLO
RITA NARRACCI
PINO LOVECCHIO
ANTONELLA LOVECCHIO
GIANNI SPORTELLI
CARMELA SCHETTINI
GIUSEPPE LAVIOLA



Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …