Passa ai contenuti principali

Storia dell'Icona

Il conversanese Simplicio, già primicerio della Cattedrale, poi Vescovo della nostra città, fu inviato in Africa dal Pontefice Felice III (483-492) per difendere la dottrina Cattolica dall'arianesimo.
Il Vescovo partì subito conducendo reco tre giovani diaconi conversanesi, i cui nomi sono Ginobaldo, Gsulfo e Petrarca. Attraverso il Mediterraneo sbarcarono nei pressi dell'attuale Tangeri nel Marocco. Nello svolgere la sua missione, Simplicio si attirò I'ammirazione e la stima di Breno, ufficiale di Unnerico. Simplicio convertì alla fede cattolica non solo I'ufficiale Breno, ma anche la moglieValfrida insieme con lppocarda, Afarge e Afrida. Compiuta la missione la stesso ufficiale Breno aiutò Simplicio nei preparativi per il ritorno in patria, dopo avergli consegnato dell'oro affinché tornato a Conversano, costruisse quattro cappelle in onore della Beata Vergine. Il vescovo, imbarcaldosi, portò con sè un'immagine della BeataVergine, che in precedenza aveva sottratta ad un incendio di sacre icone. Partito dall'Africa, dopo una sosta nell'isola di Corfù, si diresse verso la nostra regione, decidendo di sbarcare a Polignano a Mare, ove vi era un'insenatura naturale utile all'approdo. Un vento impetuoso costrinse Simplicio a sbarcare presso la spiaggia di Cozze. Gisulfo, uno dei tre diaconi, che accompagnavano il vescovo, si portò subito a Conversano, per avvertire il Clero ed il popolo che il vescovo era tornato dall'Africa e si accingeva a rientrare nella città, portando con sè un dipinto della gran Madre di Dio.
È facile immaginare con quanto entusiasmo il Clero ed il popolo della nostra città si mossero incontro al proprio vescovo; così la Sacra Icona della nostra Protettrice fu portata trionfalmente in Conversano; era il primo sabato di Maggio dell'anno 487 d.C..

È questo il motivo, per cui ab immemorabili la festa liturgica della BeataVergine della Fonte ogni anno si svolge il primo sabato di Maggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …