Passa ai contenuti principali

Attività di apostolato parrocchiale Quaresima 2010

Anche quest’anno la nostra Parrocchia ha organizzato per la quaresima alcune attività di apostolato. Tra queste ricordiamo l’iniziativa programmata dal Consiglio Pastorale Parrocchiale per l’attuazione della 2a tappa del Progetto Pastorale Diocesano “ Dalla comunione alla missione “
In seno al Consiglio Pastorale Parrocchiale quindi si decise che nel periodo della Quaresima, per gli ammalati e gli anziani impossibilitati ad uscire e che ne avessero fatto richiesta , si sarebbe celebrata la S. Messa presso la loro abitazione.
Il settore liturgico e i ministri straordinari della comunione sono stati incaricati di provvedere a : allestimento dell’altare, scelta dei lettori, animazione musicale per garantire una degna celebrazione.
Tra le famiglie che ne hanno fatto richiesta c’è quella di Concetta Murro, anziana vedova di 98 anni, classe 1912 che vive con la figlia Caterina. Fino all’età di 90 anni si è sempre recata in chiesa, ora invece segue le celebrazioni e tutte le funzioni liturgiche tramite ” Radio Amicizia “ che trasmette in diretta quotidianamente dalla Basilica Cattedrale. Concetta riceve regolarmente la visita del parroco Don Lorenzo , del vice parroco don Giuseppe, del ministro straordinario dell’eucaristia Adolfo e dei vari amici della parrocchia.
La S. Messa presieduta da Don Lorenzo Renna si è celebrata mercoledì 3 marzo 2010 al pomeriggio ed ha visto la partecipazione di circa 35 persone. Oltre al gruppo liturgico, c’ era il vicinato, persone che non frequentano abitualmente la parrocchia e alle quali anche la nostra missione era diretta, grazie all’occasione dataci da Concetta e Caterina che hanno aperto le porte di casa loro per questo momento di comunione tra la parrocchia e il territorio.
Al termine c’è stato un momento di agape fraterna in cui si è condiviso una fetta di ciambella e un bicchiere di succo di frutta portati dai presenti. Il clima era davvero familiare e tutto si è svolto nella semplicità. Il dono più bello che il Signore ci ha fatto oltre ad averlo ricevuto nell’Eucaristia , è il sorriso e lo sguardo pieno di gioia di Concetta , che ci porteremo nel cuore. Ringraziamo Dio per questa esperienza quaresimale che ci ha arricchito umanamente e spiritualmente perchè ci ha permesso di comprendere sempre più in profondità la sua misteriosa presenza nell’ umanità più bisognosa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …