Passa ai contenuti principali

La Liturgia di Domenica 1 Gennaio 2012

    MARIA SANTISSIMA MADRE DI DIO

Grado della Celebrazione: SOLENNITA'
Colore liturgico: Bianco
Antifona d'ingresso
Salve, Madre santa:
tu hai dato alla luce il Re
che governa il cielo e la terra
per i secoli in eterno. (Sedulio)
Oppure:
Oggi su di noi splenderà la luce,
perché è nato per noi il Signore;
Dio onnipotente sarà il suo nome,
Principe della pace, Padre dell’eternità:
il suo regno non avrà fine. (cf. Is 9,2.6; Lc1,33)
Colletta
O Dio, che nella verginità feconda di Maria
hai donato agli uomini i beni della salvezza eterna,
fa’ che sperimentiamo la sua intercessione,
poiché per mezzo di lei
abbiamo ricevuto l’autore della vita,
Cristo tuo Figlio.
Egli è Dio, e vive e regna con te...
Oppure:
Padre buono,
che in Maria, vergine e madre,
benedetta fra tutte le donne,
hai stabilito la dimora
del tuo Verbo fatto uomo tra noi,
donaci il tuo Spirito,
perché tutta la nostra vita
nel segno della tua benedizione
si renda disponibile ad accogliere il tuo dono.
Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, cheè Dio...
PRIMA LETTURA  (Nm 6, 22-27)
Porranno il mio nome sugli Israeliti, e io libenedirò.
Dal libro dei Numeri
Il Signore parlò a Mosè e disse: «Parlaad Aronne e ai suoi figli dicendo: “Cosìbenedirete gli Israeliti: direte loro:
Ti benedica il Signore
e ti custodisca.
Il Signore faccia risplendere per te il suo volto
e ti faccia grazia.
Il Signore rivolga a te il suo volto
e ti conceda pace”.
Così porranno il mio nome sugli Israeliti e io libenedirò».
Parola di Dio
SALMO RESPONSORIALE  (Sal 66)
Rit: Dio abbia pietà di noi e ci benedica.
Dio abbia pietà di noi e ci benedica,
su di noi faccia splendere il suo volto;
perché si conosca sulla terra la tua via,
la tua salvezza fra tutte le genti.
Gioiscano le nazioni e si rallegrino,
perché tu giudichi i popoli con rettitudine,
governi le nazioni sulla terra.
Ti lodino i popoli, o Dio,
ti lodino i popoli tutti.
Ci benedica Dio e lo temano
tutti i confini della terra.
SECONDA LETTURA  (Gal 4,4-7)
 Dio mandò il suo Figlio, nato da donna.
Dalla lettera di san Paolo apostolo ai Gàlati
Fratelli, quando venne la pienezza del tempo, Diomandò il suo Figlio,  nato da donna, nato sotto laLegge, per riscattare quelli che erano  sotto la Legge,perché ricevessimo l’adozione a figli.
E che voi siete figli lo prova il fatto che Dio mandònei nostri cuori  lo Spirito del suo Figlio, il quale grida:Abbà! Padre! Quindi non sei  più schiavo, mafiglio e, se figlio, sei anche erede per grazia di Dio.
Parola di Dio
Canto al Vangelo   (Ebr 1,1.2)
Alleluia, alleluia.
Molte volte e in diversi modi nei tempi antichi
Dio ha parlato ai padri per mezzo dei profeti;
ultimamente, in questi giorni,
ha parlato a noi per mezzo del Figlio.
Alleluia.
VANGELO   (Lc 2,16-21)
I pastori trovarono Maria e Giuseppe e il bambino. Dopootto giorni gli fu messo nome Gesù.
+  Dal Vangelo secondo Luca
In quel tempo,  andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopoaverlo visto,  riferirono ciò che del bambino erastato detto loro.
Tutti quelli che udivano si stupirono delle cose dette lorodai pastori.  Maria, da parte sua, custodiva tutte questecose, meditandole nel suo  cuore.
I pastori se ne tornarono, glorificando e lodando Dio pertutto quello che avevano udito e visto, com’era statodetto loro.
Quando furono compiuti gli otto giorni prescritti per lacirconcisione,  gli fu messo nome Gesù, come erastato chiamato dall’angelo prima che  fosse concepitonel grembo.
Parola del Signore
Preghiera dei fedeli
In questo giorno in cui tutti si augurano ogni bene, lanostra preghiera  per tutti gli uomini possa essere insintonia con la volontà di Dio.
Preghiamo insieme dicendo: Dio della pace, venga il tuoregno!
1. Venga la pace, Signore, nelle Chiese: la fede dei piccolisia  rispettata, i doni dello Spirito siano accolti, ilservizio di preti e  vescovi sia pieno di cordialità,preghiamo.
2. Venga la pace, Signore, nella nostra società:tutti abbiano il  necessario per vivere, i deboli e gliemarginati siano accolti, a tutti i  malati e anziani siadata un'umana assistenza, preghiamo.
3. Venga la pace, Signore, nelle nostre famiglie: i giovanie gli adulti  non si sottraggano al dialogo, e trovino leparole giuste per  comprendersi e rispettarsi nelladiversità, preghiamo.
4. Venga la pace, Signore, dove sembra così lontana:nei paesi  martoriati dalla guerra, là dove la leggeè quella della violenza e del  terrore, preghiamo.
5. Venga la pace, Signore, nei luoghi di lavoro e di studio:gli uomini  si offrano aiuto reciproco, nel rispetto deidiritti e della diversità  dei ruoli, preghiamo.
O Signore, che in Maria hai mostrato che il tuo amore superaogni nostro  sogno e speranza, donaci la forza di nonarrenderci mai di fronte alle  ingiustizie e ai dolori delmondo, per impegnarci giorno per giorno a  costruire nelmondo la tua pace. Per Cristo nostro Signore.
Preghiera sulle offerte
O Dio, che nella tua provvidenza dai inizio e compimento
a tutto il bene che è nel mondo,
fa’ che in questa celebrazione
della divina Maternità di Maria
gustiamo le primizie del tuo amore misericordioso
per goderne felicemente i frutti.
Per Cristo nostro Signore.
PREFAZIO DELLA BEATA VERGINE MARIA I
La maternità della beata Vergine Maria
È veramente cosa buona e giusta,
nostro dovere e fonte di salvezza,
rendere grazie sempre e in ogni luogo
a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.
Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti glorifichiamo,
nella ... della beata sempre Vergine Maria.
Per opera dello Spirito Santo,
ha concepito il tuo unico Figlio;
e sempre intatta nella sua gloria verginale,
ha irradiato sul mondo la luce eterna,
Gesù Cristo nostro Signore.
Per mezzo di lui si allietano gli angeli
e nell’eternità adorano la gloria del tuovolto.
Al loro canto concedi, o Signore,
che si uniscano le nostre umili voci
nell’inno di lode: Santo...
Antifona di comunione
Gesù Cristo è sempre lo stesso
ieri, oggi e nei secoli eterni. (Eb 13,8)
Oppure:
Maria serbava tutte queste cose
meditandole nel suo cuore. (Lc 2,19)
Preghiera dopo la comunione
Con la forza del sacramento che abbiamo ricevuto
guidaci, Signore, alla vita eterna,
perché possiamo gustare la gioia senza fine
con la sempre Vergine Maria,
che veneriamo madre del Cristo e di tutta la Chiesa.
Per Cristo nostro Signore.
Commento
Il brano del vangelo ci narra un episodio della vita diuna famiglia  ebrea, ma l’ambientazione èinusuale per una nascita. Si tratta di una  famigliaemarginata socialmente. Eppure il bambino è Dio e lagiovane  donna l’ha concepito e partorito nellaverginità. Alcuni pastori si  affrettano, in rispostaa un messaggio dal cielo, per riconoscerlo e  glorificarlo aloro modo.
Vi è difficile considerarlo vostro Dio?
Volgete il pensiero per un attimo al fascino persistenteesercitato da  sua madre su uomini e donne di ogni ambientee classe, su persone che  hanno conosciuto successi ofallimenti di ogni tipo, su uomini di genio,  su emarginati,su soldati angosciati e destinati a morire sul campo di battaglia, su persone che passano attraverso dure provespirituali.
Il genio artistico si è spesso consacrato alla sualode: pensate alla  “Pietà” diMichelangelo, al gran numero di Madonne medievali e rinascimentali, alle vetrate incantevoli della cattedrale diChartres e  alla più bella di tutte le icone: laMadonna di Vladimir, che aspetta  con pazienza, nel MuseoTretiakov di Mosca, giorni migliori.
Perché la Madonna ispira tanta umanità?
Forse perché è, come dicono gli ortodossi,un’icona (= immagine) di Dio?
Forse perché Dio parla per suo tramite anche se Mariaresta sempre una  sua creatura, sia pure una creatura unicagrazie ai doni ricevuti dal  Padre?
Tutto ciò è stato oggetto di discussioni,spesso accese, quando spiriti  grandi cercarono di esprimerein termini umani il mistero di Dio fatto  uomo.
Maria fu definita madre di Dio, “theotokos”, eciò contribuì a calmare  disputeintellettuali. Questo appellativo è particolarmentecaro ai  cristiani dell’Est, ai nostri fratelli delmondo ortodosso, ed è  profondamente radicato nellaloro teologia, ripetuto spesso nelle loro  belle liturgie,specialmente nella liturgia bizantina, che è stata considerata la “più perfetta” proprio pervia delle sue preghiere  ufficiali dedicate al culto diMaria.
Cominciamo l’anno nel segno di questo grande mistero.
Cerchiamo allora di approfondire la nostra devozione aMaria, Madre di  Dio e nostra, eliminandone, però,ogni traccia di sentimentalismo  spicciolo.
Tentiamo di convincere i giovani che si tratta qui di unidealismo  rispondente, certo, alle aspirazioni piùprofonde dello spirito umano,  ma che richiede impegno emolto coraggio.

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …