Passa ai contenuti principali

"Siamo tornati a casa"

Le Autorità presenti
“Siamo tornati a casa”. Nelle parole che il Vescovo, Mons. Domenico Padovano, ha utilizzato in apertura della solenne concelebrazione giubilare tenuta sabato 11 febbraio alle 10 in occasione del 25° anniversario del Suo episcopato nella diocesi di Conversano-Monopoli all’interno della Basilica Cattedrale, risiedono tutta l’emozione, l’attesa e la gioia che quest’evento ha lasciato nei cuori di tutti. Perché tutti, conversanesi e non, hanno almeno un ricordo legato alla Cattedrale. E come noi anche i nostri nonni e tutti coloro che nelle più diverse epoche storiche hanno abitato la nostra città, il cui fulcro era proprio la Cattedrale. Noi potremo dire “io c’ero”, come ha detto il Vescovo. Noi potremo dire di aver dato un’anima a quella che, sempre Padovano, ha definito “la casa di tutti”, restituita a tutti proprio perché è un dono, arrivata a noi come eredità dai nostri predecessori e che dobbiamo lasciare in tutto il suo splendore ai nostri discendenti.
Quell’edificio sacro costruito sull’amore e sulla passione, che risplendeva negli occhi e trasudava dai volti emozionati dei protagonisti di questa solenne occasione: il Vicario, Mons. Vito Domenico Fusillo, in lacrime quando ha fatto gli auguri al suo Pastore; l’architetto Pasquale Lovecchio, il direttore dei lavori di restauro seduto in prima fila assieme alle autorità civili e militari che non hanno voluto mancare (tra cui il presidente del Consiglio Regionale, Onofrio Introna, e l’assessore alle Opere Pubbliche Fabiano Amati) la cui soddisfazione era evidente; il sindaco Giuseppe Lovascio che ha avuto parole di orgoglio civico; gli arcipreti don Pasquale Cantalupo, don Lorenzo Renna e don Felice Di Palma che tanto hanno fatto affinchè il miracolo della riapertura si avverasse.
Foto ricordo con i rappresentanti parrocchiali di Azione Cattolica
Protagonista della mattinata il Vescovo che ha esortato a continuare il cammino insieme per costruire una diocesi coesa e che ha ringraziato tutto il clero diocesano e i fedeli accorsi per omaggiarlo. Ai fedeli il Vescovo ha sottolineato che la Cattedrale è l’anima della città, ma che al tempo stesso sono i cittadini cristiani che danno un’anima alla cattedrale. Un legame biunivoco ed indissolubile, radicato nel tempo e nella tradizione sintomatico di una Chiesa fatta non solo di mattoni, ma di persone e su cui si fonderà sicuramente il cammino futuro della parrocchia.

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …