Passa ai contenuti principali

Solennità di Maria SS. della Fonte

ANTIFONA D'INGRESSO
Salve, Madre della luce:
vergine hai generato il Cristo
e sei divenuta l'immagine della Chiesa madre,
che nell'onda pura del Battesimo
rigenera i popoli credenti. Alleluia.

COLLETTA
Guarda, Dio onnipotente, la Chiesa madre,
che dal puro grembo del fonte battesimale
rigenera come creature celesti
coloro che per condizione nativa sono terrestri e mortali;
fa' che mediante il Vangelo e i Sacramenti
ci guidi alla piena somiglianza con il Cristo suo fondatore
nato dalla Vergine, primogenito tra molti fratelli
e salvatore del mondo.
Egli è Dio, e vive e regna con te, nell'unità dello Spirito Santo,
per tutti i secoli dei secoli.



PRIMA LETTURA
Avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi.

Dagli Atti degli Apostoli
1, 6-14

Dopo la risurrezione di Gesù, gli apostoli venutisi a trovare insieme gli domandarono: « Signore, è questo il tempo in cui ricostituirai il regno di Israele? ». Ma egli rispose: « Non spetta a voi conoscere i tempi e i momenti che il Padre ha riservato alla sua scelta, ma avrete forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi e mi sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samarìa e fino agli estremi confini della terra ».
Detto questo, fu elevato in alto sotto i loro occhi e una nube lo sottrasse al loro sguardo. E poiché essi stavano fissando il ciclo mentre egli se n'andava, ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: « Uomini di Galilea, perché state a guardare il ciclo? Questo Gesù, che è stato di tra voi assunto fino al ciclo, tornerà un giorno allo stesso modo in cui l'avete visto andare in cielo ».
Allora ritornarono a Gerusalemme dal monte detto degli Ulivi, che è vicino a Gerusalemme quanto il cammino permesso in un sabato.
Entrati in città salirono al piano superiore dove abitavano. C'erano Pietro e Giovanni, Giacomo e Andrea, Filippo e Tommaso, Bartolomeo e Matteo, Giacomo di Alfèo e Simone lo Zelòta e Giuda di Giacomo.
Tutti questi erano assidui e concordi nella preghiera, insieme con alcune donne e con Maria, la madre di Gesù e con i fratelli di lui.

Parola di Dio.

SALMO RESPONSORIALE
Dal Salmo 86

R.   Di te si dicono cose stupende, città di Dio.
Oppure :
R.   Alleluia, alleluia, alleluia.

Le sue fondamenta sono sui monti santi;
il Signore ama le porte di Sion
più di tutte le dimore di Giacobbe.   R

Di te si dicono cose stupende,
città di Dio.
Si dirà di Sion: « L'uno e l'altro è nato in essa
e l'Altissimo la tiene salda ».   R

Il Signore scriverà nel libro dei popoli:
« Là costui è nato ».
E danzando canteranno:
« Sono in te tutte le mie sorgenti ».   R.

CANTO AL VANGELO
Cfr Lc 2, 19

R.   Alleluia, alleluia.

Te beata, o Vergine Maria:
custodivi la parola di Dio
meditandola nel tuo cuore.

R.   Alleluia.

VANGELO
Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica.

 Dal vangelo secondo Luca
   8,19-21

In quel tempo, andarono a trovare Gesù la madre e i fratelli, ma non potevano avvicinarlo a causa della folla.
Gli fu annunziato: « Tua madre e i tuoi fratelli sono qui fuori e desiderano vederti ».
Ma egli rispose: « Mia madre e miei fratelli sono coloro che ascoltano la parola di Dio e la mettono in pratica »
Parola del Signore.



Preghiere dei fedeli.

 Rivolgiamoci ora a Dio Padre Nostro perché ci aiuti ad a essere buoni cristiani e a vivere secondo il Vangelo. 
Per Maria Fonte della Vita, ascoltaci Signore.

1.    O Dio, ti preghiamo per il papa Benedetto XVI: sostieni il suo cammino e donagli la forza della speranza per governare la tua Chiesa.
2.    O Dio, ti preghiamo per il nostro vescovo Domenico , affinché il suo essere pastore si modelli sull’immagine di Cristo tuo Figlio, Buon Pastore.
3.    O Dio, ti preghiamo per tutte le donne: la loro vita sia ad immagine di Maria per portare a tutta l’umanità il vento del tuo amore.
4.    O Dio, ti preghiamo per tutte le famiglie in crisi: lo sguardo materno di Maria possa essere per loro conforto e la sua intercessione le aiuti ad andare avanti.
5.    O Dio, ti preghiamo per i giovani : spesso sono senza meta e senza di Te, butta luce sul loro cammino e nessuno di essi vada perduto.
6.    O Dio, ti preghiamo per i fidanzati e gli sposi: il loro cammino d’amore sia contrassegnato dalla presenza dello Spirito Santo e dall’amore materno della Vergine Madre.
7.    O Dio, ti preghiamo per i nostri defunti: tu hai sempre conosciuto la loro vita e il loro cuore, adesso che sono nella vita eterna dona loro la tua luce di misericordia.
8.    O Dio, ti preghiamo infine per comunità parrocchiale, goccia nell’oceano della tua Chiesa: concedile di godere dei frutti della conversione e di crescere nella tua volontà.


PREFAZIO

La missione della Vergine Maria nei sacramenti dell'iniziazione cristiana

V.    Il Signore sia con voi.
R.    E con il tuo spirito
V.    In alto i nostri cuori.
R.    Sono rivolti al Signore.
V.    Rendiamo grazie al Signore, nostro Dio.
R.    È cosa buona e giusta.

A    E’ veramente cosa buona e giusta *
       nostro dovere e fonte di salvezza, *  
       rendere grazie sempre e in ogni luogo *
       a te, Signore, Padre santo, Dio onnipotente ed eterno.**

B     Per un dono mirabile del tuo amore *
       tu hai voluto che nei segni sacramentali *
       si rinnovassero misticamente
       gli eventi della storia della salvezza
       vissuti dalla Vergine Madre. **

       Così la Chiesa, vergine feconda,
       partorisce nelle acque del Battesimo
       i figli che ha concepito dalla fede e dallo Spirito; *
       li consacra con il prezioso unguento del crisma,
       perché lo Spirito che avvolse la Vergine
       discenda su di loro con l'abbondanza dei suoi doni; *
       e quotidianamente imbandisce la mensa eucaristica,
       per nutrirli con il pane del ciclo
       che Maria ha dato alla luce per la vita del mondo,
       Gesù Cristo nostro Signore. **

A    Per mezzo di lui si allietano gli angeli
       e nell'eternità adorano la gloria del tuo volto. *
       Al loro canto concedi, o Signore, *
       che si uniscano le nostre umili voci *
       nell'inno di lode: **

       Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell'universo.
       I cieli e la terra sono pieni della tua gloria.
       Osanna nell'alto dei cicli.
       Benedetto colui che viene nel nome del Signore.
       Osanna nell'alto dei cicli

ANTIFONA ALLA COMUNIONE
Te beata, o Vergine Maria,
che adombrata dallo Spirito Santo
hai portato nel grembo verginale
il Figlio dell'eterno Padre
e sei divenuta la dimora
dei sacramenti celesti. Alleluia.

DOPO LA COMUNIONE
Padre buono, che ci hai nutriti con il corpo e sangue di Cristo,
donaci il tuo Spirito,
perché guidi ogni nostra azione,
e irradi sul cammino della Chiesa la luce di santità,
che rifulse in tutta la vita della Vergine Maria.
Per Cristo nostro Signore.

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …