Passa ai contenuti principali

Azione Cattolica: consegna del mandato ai presidenti parrocchiali

Si è svolta sabato 21 giugno presso la biblioteca diocesana la prima Conferenza dei consigli parrocchiali di Azione Cattolica, dopo la stagione assembleare che ha rinnovato i vertici parrocchiali, diocesani e nazionali della più grande e antica associazione di laici.

A presiedere l’incontro è stato S.E. Mons. Domenico Padovano, vescovo della diocesi di Conversano-Monopoli che, affiancato dal presidente diocesano Giuseppe Ancona e dall’assistente unitario don Nicola D’Onghia, ha consegnato la nomina episcopale a 29 presidenti parrocchiali.

«Siete stati scelti dalla base per animare e dirigere l’impegno dell’Azione Cattolica nelle nostre parrocchie. – ha detto in apertura mons. Padovano – Confermo con gioia la vostra designazione e rispetto la procedura democratica. Conosco il vostro valore, ammiro le vostre doti, apprezzo la vostra disponibilità e conto su di voi come ho contato su chi vi ha preceduto».

Tra i presidenti parrocchiali che hanno ricevuto la nomina ufficiale c’erano anche i conversanesi:Marilena Fanelli (SS. Maria del Carmine), Michele Vitti (Maris Stella), Paolo Battista (Sacro Cuore) e Vito Antonio Galasso (Cattedrale).

«La vostra associazione, e la vostra adesione, – ha proseguito il vescovo rivolgendosi anche a tutti i consiglieri presenti – esprimono un impegno permanente, una presenza visibile nella chiesa locale, una scelta di vita. Il Papa vi ha invitati a rinnovare la scelta missionaria, aperta agli orizzonti dello Spirito. Attraverso l’Ac rifiorisca una nuova giovinezza dell’apostolato laicale al servizio della comunità, soprattutto in quelle parrocchie che attraversano momenti di stanchezza o si chiudono in un angusto intimismo».

Nel prossimo cammino triennale l’Azione Cattolica farà sue le tre missioni consegnate da Papa Francesco in occasione della chiusura della XV assemblea elettiva nazionale: “rimanere in Cristo, gioire per la fede e andare per le strade”. Di questo ha parlato nel suo intervento il presidente diocesanoGiuseppe Ancona affermando che «si sceglie di aderire all’AC per camminare insieme come una grande famiglia e come popolo di Dio, restando uniti in Cristo». Auspicando di riuscire a «portare la nostra testimonianza anche nelle parrocchie dove non siamo presenti, per costruire reti di buone esperienze e diffondere la bellezza della nostra associazione: popolare, intergenerazionale, che serve la Chiesa e il territorio».


fonte La Vipera

Commenti

Post popolari in questo blog

Storia della Basilica Cattedrale

LA BASILICA CATTEDRALE

Situata sull’acropoli della città, la Basilica Cattedrale, dedicata alla vergine Assunta, è uno dei più importati monumenti di Conversano, nonché monumento nazionale dal 1897.
La sua costruzione risulta coeva alla costruzione della Torre Maestra, databile intorno all’anno 1080, in realtà la fabbrica fu terminata solo nel 1359 ad opera del Vescovo della diocesi PietroD’Itri, come afferma la lapide posta sulla facciata principale a destra della porta magna; sicuramente la Cattedrale fu costruita su una precedente cappella dedicata a San Silvestro costruita intorno al V secolo d.c., ad opera del primo vescovo della città Simplicio.
La Cattedrale, come quasi tutti gli edifici medievali, rivolge le sue absidi ad oriente verso la città santa di Gerusalemme.
Vi si accede attraverso tre portali lungo la facciata principale, due lungo quella laterale settentrionale ed altri due su quella meridionale.
La pianta della chiesa (v.fig.), a croce latina senza absidi non sporgenti, …

Storia di San Flaviano Patriarca di Costantinopoli, Patrono di Conversano

Il corpo del Santo vescovo di Costantinopoli sarebbe giunto in occidente su una nave messa a disposizione dall’Imperatrice Pulcheria e sarebbe venerato nella città di Castrum Novum che nell’anno 897 prese il nome di Castel S. Flaviano, in onore del suo Patrono. Da questa località, distrutta dai Turchi nell’anno 1460, sarebbe stato trasferito nella nuova città di Giulianova, fondata dal Conte Giulio Antonio Acquaviva, che era feudatario di Conversano. A Sulpicio Acquaviva, Vescovo di Conversano dal 1482 al 1494, fratello del conte precedentemente citato, si deve il dono della insigne reliquia del braccio di S. Flaviano alla Cattedrale di Conversano”. Il versante opposto è percorso nelle Marche. Nel saggio San Flaviano protettore di Recanati e il suo culto (Tip. Simboli, Recanati), del 1939, a Clemente Benedettucci D.O., confutando le Memorie istorico-critiche delle gloriose gesta di S. Flaviano Martire, Arcivescovo e martire di Costantinopoli, Protettore del Clero e Città di Recanati …