Adotta un altare

Partecipa anche tu all'iniziativa promossa dalla Parrocchia Cattedrale per restaurare la Chiesa di San Benedetto.
Diventa apostolo del S. Rosario o figlio dell'Immacolata, con un piccolo gesto di €20,00 al mese per 12 mesi.
Rivolgiti in Parrocchia
oppure
effettua un bonifico
Chiesa Ex Conventuale San Benedetto presso Bancaprossima

IBAN: IT56V0335901600100000130456

Brochure 2017

Visita Pastorale di Sua Santità Benedetto XVI


INDICAZIONI UTILI PER LE PARROCCHIE, I FEDELI E I GRUPPI
L’accesso al piazzale Sant’Apollinare, dove il Santo Padre celebrerà la Santa Messa di domenica 15 giugno, sarà consentito solo a chi sia munito di apposito PASS. Tutti i fedeli che desiderano partecipare alla Santa Messa devono rivolgersi direttamente ai propri parroci. Sarà cura del parroco informare fedeli, enti e associazioni. Lo stesso avrà cura di comunicare alla Segreteria organizzativa, entro e non oltre il 15 maggio, il numero di PASS personali necessari. Enti, associazioni e gruppi organizzati potranno comunicare direttamente con la Segreteria organizzativa per avere informazioni su accoglienza, orari, aree di parcheggio. Il PASS è gratuito. Per gli ammalati e i diversabili è necessario contattare l’UNITALSI (Sig. Enzo Nigro 333/7093739 e 349/4181476; don Costantino Baccaro 338/9451811). N.B. I PASS vengono rilasciati SOLO dalla Segreteria organizzativa dell’evento "Visita Pastorale del Santo Padre Benedetto XVI alla Chiesa diocesana di Brindisi-Ostuni" con sede in Vico Seminario, 5 – 72100 Brindisi, dai primi giorni del mese di giugno. Si informa, inoltre, che solo per gruppi organizzati sarà possibile raggiungere Brindisi anche in treno.
Per informazioni sui treni è possibile rivolgersi alla Segreteria organizzativa tel. 0831.563553 oppure al numero di Trenitalia 080.58952453 attivo tutti i giorni dalle ore 7 alle ore 21.

Note Legali

INFORMAZIONI IMPORTANTI E NOTE LEGALI

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001; inoltre l'autore di questo blog dichiara di osservare scrupolosamente gli articoli della legge n°633 del 1941 e le sue successive modifiche di seguito riportate. (Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio). Art. 961 - Il ritratto di una persona non può essere esposto, riprodotto o messo in commercio senza il consenso di questa, salve le disposizioni dell'articolo seguente. Dopo la morte della persona ritrattata si applicano le disposizioni del 2/a, 3/a e 4/a comma dell'art. 93. Art. 97 - Non occorre il consenso della persona ritrattata quando la riproduzione dell'immagine è giustificata dalla notorietà o dall'ufficio pubblico coperto, da necessità di giustizia o di polizia, da scopi scientifici, didattici o culturali, o quando la riproduzione è collegata a fatti, avvenimenti, cerimonie di interesse pubblico o svoltisi in pubblico. Il ritratto non può tuttavia essere esposto o messo in commercio, quando l'esposizione o messa in commercio rechi pregiudizio all'onore, alla reputazione od anche al decoro della persona ritrattata. Art. 98 - Salvo patto contrario, il ritratto fotografico eseguito su commissione può dalla persona fotografata o dai suoi successori o aventi causa essere pubblicato, riprodotto o fatto riprodurre senza il consenso del fotografo, salvo pagamento a favore di quest'ultimo, da parte di chi utilizza commercialmente la riproduzione, di un equo corrispettivo. Il nome del fotografo, allorché figuri sulla fotografia originaria, deve essere indicato. Sono applicabili le disposizioni dell'ultimo comma dell'articolo 88. CAPO VIII Protezione del titolo, delle rubriche, dell'aspetto esterno dell'opera degli articoli e di notizie - divieto di taluni atti di concorrenza sleale. Art. 100 - Il titolo dell'opera, quando individui l'opera stessa, non può essere riprodotto sopra altra opera senza il consenso dell'autore. Il divieto non si estende ad opere che siano di specie o carattere così diverso da risultare esclusa ogni possibilità di confusione. E' vietata egualmente, nelle stesse condizioni, la riproduzione delle rubriche che siano adoperate nella pubblicazione periodica in modo cosi costante da individuare l'abituale e caratteristico contenuto della rubrica. Il titolo del giornale, delle riviste o di altre pubblicazioni periodiche non può essere riprodotto in altre opere della stessa specie o carattere, se non siano decorsi due anni da quando è cessata la pubblicazione del giornale. Art. 101 - La riproduzione di informazioni e notizie è lecita purché non sia effettuata con l'impiego di atti contrari agli usi onesti in materia giornalistica e purché se ne citi la fonte. Sono considerati atti illeciti: a) la riproduzione o la radiodiffusione, senza autorizzazione, dei bollettini di informazioni distribuiti dalle agenzie giornalistiche o di informazioni, prima che siano trascorse sedici ore dalla diramazione del bollettino stesso e comunque, prima della loro pubblicazione in un giornale o altro periodico che ne abbia ricevuto la facoltà da parte dell'agenzia. A tale fine, affinché le agenzie suddette abbiano azione contro coloro che li abbiano illecitamente utilizzati, occorre che i bollettini siano muniti dell'esatta indicazione del giorno e dell'ora di diramazione; b) la riproduzione sistematica di informazioni o notizie, pubblicate o radiodiffuse, a fine di lucro, sia da parte di giornali o altri periodici, sia da parte di imprese di radiodiffusione. Art. 102 - E' vietata come atto di concorrenza sleale, la riproduzione o imitazione sopra altre opere della medesima specie, delle testate, degli emblemi, dei fregi, delle disposizioni di segni o caratteri di stampa e di ogni altra particolarità di forma o di colore nell'aspetto esterno dell'opera dell'ingegno, quando detta riproduzione o imitazione sia atta a creare confusione di opera o di autore.Eventuali e non desiderati inserimenti di foto, articoli e "post" su questo blog, anche se pubblicati a norma di legge, saranno comunque rimossi entro 24 ore inviando una richiesta a:

cattedrale.conversano@gmail.com


Solennità del Santissimo Corpo e
Sangue di Cristo

25 maggio 2008

ore 18,30

SS. Messa

Sagrato Chiesa Sacro Cuore di Gesù
in Conversano

Celebrante: Sua Eccellenza Mons. Domenico Padovano

Concelebrano i preti delle Parrocchie di Conversano

Coro Interparrocchiale
Al termine della SS. Messa Solenne Processione del Corpus Domini per le Vie della Città con la partecipazione di tutte le associazioni religiose, civili e militari.

Deut 8,2-3,14-16

Salmo 147 1

Cor 10,16-17

Giovanni 6,51-58

TEMA DELLE LETTURE La solennità di oggi dà risalto alla Presenza Eucaristica, nel suo Corpo e Sangue, di Dio Figlio. Le letture si riferiscono tutte, in modi differenti, a questa presenza reale, il sacrificio di Gesù Cristo che questa esprime e ri-presenta nella Santa Messa, e la nostra comunione con Gesù nella ricezione della sua Presenza Eucaristica come cibo spirituale. Il Libro del Deuteronomio parla dell’esortazione di Mosè e degli ammonimenti al suo popolo affinché non dimentichi quanto Dio aveva fatto per loro: la liberazione dalla schiavitù in Egitto, il passaggio attraverso i pericoli del deserto, e la straordinaria manna che Egli offrì loro come cibo, e l’acqua dalla roccia, quando non avevano niente da mangiare o da bere. Il popolo del Signore era continuamente a rischio di lasciar scivolare via dalla sua memoria questi eventi provvidenziali, finendo col dimenticare che la sua stessa vita era governata da Dio. Il salmo 147 riconosce che il Signore è la fonte della prosperità del suo popolo eletto, specialmente attraverso la rivelazione dei suoi comandamenti. Il Vangelo di Giovanni presenta una difficile dichiarazione pubblica di Gesù, che rivela di essere il "pane di vita". Il testo si riferisce sia al significato figurativo per intendere il senso basilare di dipendenza e di affidamento a Gesù nella fede (simile alla dichiarazione con cui il Maestro rivela di essere "la via, la verità e la vita"), sia al vocabolario inconfondibile che indica il vero Corpo e il vero Sangue di Dio fatto uomo. Gesù afferma che chi vuole la vita eterna deve mangiare il suo Corpo e il suo Sangue. Ciò era difficile da comprendere per gli israeliti che lo ascoltavano. San Paolo spiega ai cristiani di Corinto la natura unica del sacrificio eucaristico come una reale partecipazione e un’autentica comunione con il corpo e il sangue di Gesù Cristo. Questo è un segno efficace della loro unità.

MESSAGGIO DOTTRINALE La Santa Eucaristia. La Santa Eucaristia rende presente una triplice realtà. In primo luogo ci viene promessa la reale presenza fisica di Dio, nel suo Corpo e Sangue, nelle specie materiali del pane e del vino. In secondo luogo, il sacrificio eucaristico della Messa (che è l’atto di rendere Dio presente in quelli che prima erano pane e vino) ripresenta il sacrificio di Gesù Cristo sulla croce. È il sacrificio del Calvario fattosi veramente e nuovamente presente a noi, nel nostro tempo. In terzo luogo, siamo invitati a partecipare all’Eucaristia per entrare in comunione fisica e spirituale con Gesù Cristo. Così, l’Eucaristia diviene il nostro nutrimento, il nostro pane, la manna, nel viaggio attraverso il deserto di questa vita.

13 maggio 91° anniversario dalla prima apparizione della Madonna a Fatima

Nostra Signora di Fatima è uno degli appellativi con cui la Chiesa Cattolica venera Maria, madre di Gesù. Delle cosiddette apparizione mariane , quelle relative alla Nostra Signora di Fatima sono tra le più famose. Secondo il racconto di tre bambini, dell'età compresa tra i 7 e i 10 anni, di Fatima , cittadina del Portogallo, la Madonna apparve per sei volte ad intervalli mensili a partire dal 13 maggio 1917. La cosa suscitò una vasta eco e furono numerosi i fedeli che credettero alle apparizioni. Nel 1930 la Chiesa, proclamò il carattere soprannaturale delle apparizioni e ne autorizzò il culto.

Oggi, 13 maggio 2008, presso la Chiesa del Seminario di Conversano alle ore 17,00 Benedizione dei Bambini; alle ore 18,30 S. Rosario e S. Messa


Prima Comunione




Domenica 11 maggio 2008


Chiesa dei Paolotti ore 10,30:



Prima Comunione




Celebranti: Don Lorenzo Renna e Don Nicola D'Onghia

Le Catechiste: Gina Longobardi, Enza Valente